6.CODING CON GLI AUTOMI-BEE BOT

Presentazione di piccoli robot da usare a scuola

Oggi disponiamo di molteplici offerte per quanto riguarda i piccoli robot programmabili.
Li vendono le case specializzate (ad es.Campustore) e anche chi produce giocattoli educativi (ad es. Clementoni)
Di automi ce n’è di tutti i tipi e sono sempre in evoluzione.
Gli automi possono essere acquistati dalla scuola e in questo caso potrebbero stare in valigette trasportabili da usare dove e quando serve.
Possono essere acquistati con il Bonus Docente o regalati dai genitori, amministrazione comunale e agenzie del territorio.
Su quale scegliere e sul come fare…ci sarebbe tanto da dire…
Qui di seguito alcune esperienze realizzate con BEE BOT.

Maestra…come sta la Bee Bot?“.
E’ così che vengo accolta in una prima classe della scuola primaria. La settimana precedente avevo fatto una lezione di robotica con Bee Bot e da subito mi ero accorta del grande potenziale offerto da questa attività che non si ferma alla pura programmazione, ma che si sviluppa e fiorisce grazie alla creatività degli studenti. Ecco allora le storie, ma anche, la matematica, la geografia, la storia… Il legame affettivo che si instaura fra un robot e un bambino è straordinario! Ecco qui alcune esperienze condotte da me con studenti piccolissimi (infanzia) e più grandi.

Bee Bot arriva tra i più piccoli!
La maestra con un cappellino da ape in testa mostra cosa può’ fare l’ape.
Si usano frecce colorate e si inventano storie, fino a scoprire che può portare delle cose…e allora…cosa è meglio di un cono gelato?

Bee Bot…primi approcci
I bambini della classe prima vanno alla scoperta delle possibilità di movimento fino a scoprire che Bee Bot può andare a vanti, indietro, a destra e a sinistra. Le cose si complicano nella programmazione fino a capire che bisogna annullare la programmazione precedente. Poi è felicità!

Bee Bot, prendiamo le misure
Quanto misura un passo della Bee Bot?
Per realizzare percorsi su cui ideare storie di ogni genere, il primo step è misurare il passo della Bee Bot.
Sarebbe stato semplice dire ai ragazzi che Bee Bot si muove di 15 cm…ma è importante mettersi alla prova…imparare ad imparare!

Dallo storyboard alla progettazione fino al percorso
Si parte da un’idea…chi è il nemico di Bee Bot? E’ il ragno! Lei ne ha paura!!
Allora progettiamo un percorso dove c’è il ragno e la guidiamo ad arrivare alla meta evitandolo!
Ideazione collettiva, progettazione individuale sul quaderno e percorso condiviso a gruppi.

Percorsi di storytelling protetti dal foglio di plastica
In questa esperienza siamo passati a consegnare ad ogni gruppo un cartoncino Bristol 70×100 ad ogni gruppo di bambini che poi, su un foglio quadrettato ha realizzato la griglia per la Bee Bot.
Ogni gruppo ha posi scelto una tematica e ha rappresentato lo storytelling realizzando disegni e istruzioni direttamente su carta.
Una volta che ha rappresentato gli elementi li ha ritagliati e appoggiati sulla griglia in base allo storyboard realizzato.


Come riciclare i materiali
Al fine di non muovere gli elementi, ma anche alla possibilità di riutilizzarli e modificarli, gli stessi non sono stati incollati nelle caselle bensì “tenuti fermi” sovrapponendo un foglio di plastica trasparente sopra.
In questo modo si sono assicurati:
* una griglia sempre pulita;
* elementi grafici (fiori, ostacoli, monumenti..) sempre disponibili;
* una storia che si può sperimentare e modificare.

Ancora Storytelling, Storygame, Geografia…
Ecco ancora esempi di ideazione e progettazione per piccoli gruppi. Quanto realizzano è straordinario perchè molto attinge anche nelle discipline di studio…

Adesso si prova a programmare!
Seguendo lo storytelling ideato gli alunni provano a sperimentare la programmazione cercando di trovare diverse soluzioni quando i comandi da dare sono davvero tanti!

La Bee Bot porta doni…
Approfittando del gancio che ha la Bee Bot si inventano nuove storie ed avventure.

La formazione dei docenti
Per insegnare…bisogna provare…insegnanti “hands on”!

ATTIVITA
Inventa una storia in collegamento anche con le discipline che insegni, fai riferimento ad un argomento a te particolarmente caro.
* Disegna o cerca un personaggio per la storia.
* Disegna una griglia 10×10
* Inserisci 3 o più ostacoli sulla griglia.
* Inserisci una o più mete.
* Crea possibili percorsi con caselle/indovinelli per poter proseguire
* Scrivi la sinossi (racconto e finalità)
* Scrivi le istruzioni/regole del gioco